top of page
  • Immagine del redattore1BOARD

LA RISPOSTA STA DENTRO DI TE ED È … GIUSTA!

Non c’è nulla da fare: l’economia della conoscenza in cui ci troviamo oggi è caratterizzata da una crescente complessità e rapidità di cambiamento. In questo contesto, la motivazione intrinseca, emerge come elemento cruciale per guidare i comportamenti e le prestazioni delle persone. 

Contrariamente alla motivazione estrinseca, legata perlopiù a ricompense esterne come stipendi o riconoscimenti, quella intrinseca scaturisce da un interesse interno, dalla passione e dalla soddisfazione che derivano dall'azione stessa. La sua comprensione e coltivazione è fondamentale per la promozione di relazioni più produttive, il miglioramento della comunicazione interna e lo sviluppo di strategie di coinvolgimento efficaci nei contesti lavorativi.


Prima di tutto, questa linfa interna agisce come un potente motore per comportamenti proattivi e creativi: infatti, quando le persone sono mosse da un genuino interesse per ciò che fanno, sono più propense a dedicare tempo ed energie al perfezionamento delle proprie abilità e all'esplorazione di nuove idee. Questo atteggiamento positivo contribuisce direttamente al successo delle organizzazioni nell'economia della conoscenza, in cui l'innovazione e l'adattamento continuo sono fondamentali per la sostenibilità; ma non solo, favorisce la resilienza e la perseveranza di fronte alle sfide dal momento che, nei contesti lavorativi complessi, è essenziale  per superare ostacoli e apprendere dalle esperienze negative. 

Per questo motivo le persone motivate intrinsecamente trovano un senso di scopo nelle sfide, considerandole opportunità di crescita personale e professionale: si tratta quindi di un atteggiamento resiliente prezioso per le organizzazioni che cercano di navigare attraverso cambiamenti repentini e incertezze.


Un ulteriore vantaggio che ne deriva è il miglioramento della comunicazione interna tra i membri di un team. Quando le persone sono guidate dalla passione per il proprio lavoro, la condivisione di idee e la collaborazione diventano più naturali. Viene favorito quindi un ambiente in cui le persone si sentono libere di esprimere le proprie opinioni, stimolando la diversità di pensiero e alimentando un terreno fertile per l'innovazione. Tutto questo contribuisce a un flusso costante di informazioni e idee che può essere cruciale nell'economia della conoscenza.


Inoltre, le persone ben cariche a livello motivazionale tendono a percepire le sfide come opportunità per dimostrare le proprie competenze e raggiungere obiettivi significativi, il tutto grazie all’autoefficacia e alla totale fiducia nelle proprie capacità. Questa autostima positiva si riflette nei comportamenti dei collaboratori stessi e impatta positivamente sulle prestazioni complessive. In un contesto in cui l'elevato livello di competenza è un prerequisito per il successo, la motivazione intrinseca diventa una leva cruciale.


Possiamo anche affermare che la comprensione di questo elemento è fondamentale per lo sviluppo di strategie di coinvolgimento efficaci. Le organizzazioni devono andare oltre i classici incentivi esterni e concentrarsi sulla creazione di ambienti di lavoro che nutrano la passione e il significato individuale nel lavoro: questo può implicare la progettazione di attività che valorizzino la creatività, la flessibilità e l'autonomia, elementi chiave per stimolare questa tipologia di motivazione.


In sintesi, comprendere la forma e la potenza della motivazione di ognuno di noi non solo migliora la produttività individuale, ma contribuisce anche a creare un ambiente lavorativo in cui le relazioni sono più produttive, la comunicazione interna è efficace, i rapporti tra le persone sono più distesi e le strategie di cambiamento possano essere facilmente applicate. 

Si tratta di un vero e proprio investimento nel ‘patrimonio umano’, il valore intangibile più prezioso che ogni organizzazione possa possedere.

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page